L'intervista a Zanuzzi: «Terna punta sul Veneto, sarà una delle aree dove investiremo di più»

Pierfrancesco Zanuzzi è amministratore delegato di Terna Rete Italia. In Veneto Terna gestisce circa 6000 km di linee elettriche in alta e altissima tensione e oltre 60 stazioni elettriche. Oltre 350 le persone impiegate e quotidianamente impegnate nello sviluppo e nella manutenzione della rete elettrica regionale. La società investirà molto nel nostro territorio nei prossimi anni. «Terna in qualità di gestore è un attore protagonista della transizione dalle energie da fonti fossili a quelle a fonti rinnovabili. Le infrastrutture sono fattori abilitati di questa transizione. E il Veneto è una delle aree del paese in cui Terna investirà di più. Si tratta di una regione dove abbiamo consumi elettrici sostenuti per la presenza delle attività produttive, ma dove c'è anche grande presenza di fonti rinnovabili. Tra i prossimi interventi c'è quello tra Dolo e Camin un collegamento molto importante dove avviato il percorso di autorizzazione al Mise. Si tratta di un intervento che ha l'obiettivo di sbottigliare i flussi di energia tra l'ovest e l'est della regione ed aumentare la qualità del servizio e l'efficienza ed anche un discreto impatto ambientale. Un lavoro che richiederà un investimento di oltre 140 milioni di euro. E in questi giorni stiamo creando incontri sul territorio per spiegare gli interventi. Un altro intervento è il riassetto della rete tra Malcontenta e Fusina che vale circa 190 milioni e permetterà di aumentare l'efficienza del sistema elettrico regionale. Consentirà la demolizione di 21 km di elettrodotti aerei e la restituzione di oltre 50 km di territorio». Ha spiegato il manager.

Gli altri video di Top 100: Costruire il Futuro