Le immagini della protesta dei navigator: in 118 rischiano di restare a casa

Erano stati selezionati, e formati, per seguire i percettori del reddito di cittadinanza e accompagnarli nel loro percorso alla ricerca di un lavoro all'interno dei centri per l'impiego. Ora sono loro stessi a rischiare di rimanere a casa a partire dal 30 aprile. Un paradosso. Ecco perché, una sessantina di manifestanti - in arrivo da tutto il Veneto e riuniti sotto le bandiere sindacali di Felsa-Cisl, Nidil-Cgil e Uil-Temp - si è dato appuntamento in campo San Maurizio a Venezia, sede della prefettura.In parallelo ad altre decine di manifestazioni in tutta Italia, i "navigator" veneti hanno chiesto una proroga al contratto in scadenza. L'ARTICOLO (Video Interpress)

Gli altri video di Economia